Tenerife e il mito dell’eterna primavera…

Seguiamo la Reyer fino a Tenerife!!! Partitone di basket che proprio non possiamo mancare… Cosi’ per il ponte del 1 Maggio ci imbarchiamo, insieme a tanti altri supporters, e uniamo il tifo per la squadra del cuore ad uno scorcio di Tenerife che nel cuore rimane!!!

Siamo a Porto de la Cruz, a Nord dell’isola (mappa),  un vivace centro vacanziero pieno di vita, belle spiagge e ristorantini per gustare specialità calienti…

Alloggiamo al Puerto Palace Hotel, grande complesso alberghiero leggermente fuori dal centro (15 minuti a piedi), ma a Tenerife è facile imbattersi in taxi economici, pronti a depositarti dove vorresti essere chiudendo gli occhi…. Gli spostamenti quindi non sono un problema!

La cosa che più mi ha colpito, a Tenerife, è stata la vegetazione: rigogliosa, lussureggiante e mai monotona… piante, fiori, alberi, arbusti si alternano in una varietà di specie, colori e profumi che catturano lo sguardo ad ogni angolo di strada.

Puerto del la Cruz, Orto botanico
Orto botanico

E come non lasciarsi incantare dal Jardín de Aclimatación de La Orotava, orto botanico stupefacente,affacciato sulla spiaggia, che sfoggia le più varie, e spesso rare, piante tropicali e subtropicali. Il contrasto di tinte e colori fra piante, fiori, cielo turchese, spiaggia e mare è stupefacente!!!

Playa Las Teresitas

Ma parliamone, della spiaggia intendo, di quel lembo di sabbia nera e brillante che fiancheggia il mare, contornata dai colori dell’orto…. Siamo a Playa jardin, la caratteristica spiaggia di Puerto del Cruz. Romantica e vivace se inondata dal sole, ma scura e inquietante sotto un temporale, la spiaggia riflette appieno le caratteristiche origini vulcaniche dell’isola.

La sera per gustare un buon piatto di paella, o altri piatti tipici della tradizione spagnola, c’è solo l’imbarazzo della scelta. E la musica nei locali, il calore della gente, il tipico accento sanguigno, ti catapultano immediatamente nelle atmosfere della Spagna più genuina!

Playa Las Teresitas
Pabellón de Deportes Santiago Martín

Anche senza macchina, un giretto lo abbiamo fatto comunque, appoggiandoci alla rete di autobus locali. Abbiamo visitato la spiaggia dorata di Las Teresitas, località San Andrés, lembo di sabbia dorata importato dal deserto frontestante. Sulla spiaggia palme e lettini a 5 euro per la giornata… (prorpio come da noi!!!)… Dietro la spiaggia un susseguirsi di chioschi ambulanti che preparano sandwich gustosi e bibite fresche… beatitudine totale!!!

Ovviamente, fra un tour e l’altro, abbiamo seguito la Reyer allo stadio per la finale di Champions League ma, ahimè, non abbiamo portato fortuna alla squadra…. (si rifarà poi con la vittoria dello scudetto in Italia!)

Per consolarci abbiamo mangiato e bevuto, bevuto e mangiato…. e d’altronde in Spagna si può fare altrimenti?! Tapas, paella e cervezas ti solleticano il palato, ammicando dai tavoli degli avventori nei ristoranti all’aperto! Eh si! Aveva ragione Oscar quando diceva che l’unico modo per liberarsi di una tentazione è cedervi!

I ristoranti e le piazze riflettono l’umore festoso della gente e il clima mite e piacevolmente ventilato ristora e concilia il pieno relax di corpo e spirito.

Molti del nostro gruppo tifosi, han visitato anche un parco acquatico di grandi dimensioni, ve lo segnalo, come alternativa alle spiagge, per una giornata di bagni e di sole.

Siamo sempre a Puerto de la Cruz dove, in posizione scenografica, affacciati direttamente sull’Oceano, si stagliano i sette grandi laghi (uno per ognuna delle isole Canarie) progettati dal famoso artista canario César Manrique, che compongono il Lago Martianez.

Un complesso sorprendente di grandi piscine di acqua di mare, collegate una all’altra tramite ponticelli ed inserite in maniera naturale ed armonica nell’ambiente circostante. Ovviamente chioschi, bar e ristoranti, ombrelloni e lettini sono servizi immancabili che rendono la giornata un’evasione totale.

Rientriamo a Venezia ritemprati, chissà forse seguiremo ancora la Reyer in trasferta, sperando questa volta di poter gioire a 360°… noi comunque non ci si lamenta eh!…

Lago Martianez

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.